info@padaniaclassics.com
Seguici all'interno del network sociale!
Category

Blog

Capannoni, ecomostri, caseggiati desolanti. Là dove c’era il verde ora c’è un lotto edificabile. Milioni di metri cubi di cemento armato a fare pendant col cielo che li sovrasta. La Padania, per alcuni un sogno di libertà, per molti altri una pianura invasa da insediamenti umani di dubbio gusto.

 

Di fronte all’eclissi politica di una moderna utopia popolare, l’artista si attiva per cogliere quel DNA padano di cui tanto si favoleggiava. E sforna “Padania Classics”. Una storia da incorniciare e insieme da demolire, con l’arma del sarcasmo.

 

‘Un viaggio tragicomico per scoprire la Padania: la provincia e i suoi scorci più brutti, Padania Classics ha lanciato una campagna di crowdfunding to per raccogliere in un libro tutte le fotografie del progetto iniziato due anni fa.

 

Monumental Heritage per esempio, propone una visita all’architettura “monumentale” padana, fatta non solo di Tour Eiffel in miniatura, ma anche di cisterne a forma di capitello ellenico.

 

Caraibi? Venezia? Coast to Coast degli States? Ma quando mai, i veri eroi vanno in Padania, per toccare con mano ciò che l’uomo può produrre quando la decenza dorme

Un sito web creato apposta per documentare il volto di un’Italia che all’estero si conosce poco. E che ha poco a che spartire con il “bel paese” di cui i turisti sognano atterrando a Orio al Serio. La Padania esiste, ed quella che vediamo.

Mi viene il magone a pensare di avere smesso con la vita da nomade proprio quando la provincia lombarda ha iniziato a riempirsi di sale slot degne dei casinò indiani.